aumenta dimensione testo resetta dimensione testo riduci dimensione testo  stampa pagina
 
Boschi di faggio con agrifoglio

Boschi decidui mesofili di latifoglie a dominanza di Fagus sylvatica

Codice 31113

Sigla Ft

Copertura 6,66 %

Ettari  12.459,99

 

 


 

Corrispondenza con i sistemi di classificazione degli habitat a livello comunitario

Corine Biotopes 41.18 Faggete dell’Italia meridionale

Habitat Eunis G 1.68 Boschi e foreste di Fagus sylvatica

Land Cover Corine 311

 

  

 

 Descrizione

Boschi mesofili a dominanza di faggio; sono prevalentemente boschi d’alto fusto, raramente cedui matricinati. Sono comunità ricche di specie vegetali tra cui è da segnalare la presenza di alcune specie rare ed endemiche dell’Italia meridionale, come Arabis rosea e Acer lobelii.

 strato arboreo

Lo strato arboreo dominante può raggiungere i 20 m ed al faggio si accompagnano Quercus cerris, Alnus cordata, Acer obtusatum, Taxsus baccata e raramente Acer lobelii. Lo strato arboreo dominato è caratterizzato dalla presenza di Ilex aquifolium.

 strato arbustivo

Nello strato arbustivo tra le specie più frequenti si segnala la presenza di: Daphne laureola, Rubus hirtus, Pyrus pyraster, Malus sylvestris e Crataegus monogyna.

 strato erbaceo

Lo strato erbaceo, condizionato dal forte ombreggiamento, è formato da erbe laminifoglie sciafile come Mercurialis perennis, Arum italicum, e Cardamine chelidonia, oppure a fioritura precoce come Allium pendulinum, Scilla bifolia e Corydalis cava.

 

Ecologia

Faggete macroterme del piano bioclimatico supratemperato inferiore umido/iperumido. Si sviluppano in ambienti con un clima marcatamente oceanico: tali condizioni si trovano prevalentemente sui rilievi montuosi al di sopra dei 1000 metri e in particolari località, anche a quote inferiori. Trovano il loro optimum in suoli bruni, ben evoluti e profondi.

 

 Distribuzione

Tali consorzi sono presenti su tutti i principali rilievi montuosi del Parco M.te Cervati, M. Vesole, M.Casalbuono, M.ti Alburni, M.te Sacro, M.te Centaurino, M.te Motola e M.te Cervati. Sono caratteristici di stazioni poste prevalentemente tra i 1000 e 1300-1400 m di altitudine.  

 
 
 
 
logo del parco nazionale del cilento, vallo di diano e alburni
 
facebookyoutubefeed rss
 
 
© 2008-18 Conservazione della Natura. Tutti i diritti riservati. Termini d’uso . mappa .  hcms.