aumenta dimensione testo resetta dimensione testo riduci dimensione testo  stampa pagina
 
Cespuglieti a dominanza di spartium junceum
 

Codice 32422

Sigla Spa

Copertura 1,82%

Ettari 3.307,55

 


 
 


Corrispondenza con i sistemi di classificazione degli habitat a livello comunitario

Corine Biotopes 32.A Arbusteti a Spartium junceum

Habitat Eunis F 5.4 Comunità di Spartium junceum

Land Cover Corine 322
 

  
 


Descrizione
Nelle aree collinari interne del Cilento, sono molto estesi popolamenti quasi puri a Spartium junceum che hanno ricolonizzato prevalentemente porzioni di territorio prima coltivate o pascolate ed ora completamente o parzialmente abbandonate. Spesso si rinvengono a mosaico con formazioni erbacee pascolate.

strato arbustivo

Questi cespuglieti sono caratterizzati da uno strato arbustivo alto mediamente 2 m (copertura variabile dal 10% al 100%), dominato daSpartium junceum, Rubus ulmifolius, Prunus spinosa, Crataegus monogyna, Rosa canina a cui si accompagna tra le liane, sempre abbondante, Clematis vitalba.

strato erbaceo

Nello strato erbaceo, sempre piuttosto povero di specie, sono maggiormente frequenti Pteridium aquilinum e Brachypodium rupestre accompagnate da molte specie come Dactylis glomerata, Agrimonia eupatoria, Asphodeline liburnica, Dorycnium pentaphyllum che partecipano anche alla composizione delle praterie con cui spesso si trovano a mosaico e che i cespuglieti a Spartium junceum tendono ad invadere.
 

Ecologia
Queste cenosi sono state cartografate prevalentemente su morfologie collinari, impostate su substrati argillosi del piano mesotemperato umido della Regione Temperata, dove risultano particolarmente diffuse e caratterizzanti il sottosistema delle depressioni morfostrutturali, come ad esempio alla Sella del Corticato. Si osservano con frequenza situazioni di pascolo cespugliato a Spartium junceum la cui diffusione viene in genere contrastata dai pastori con l’incendio periodico.


Distribuzione locale
Le quote alle quali queste formazioni sono maggiormente diffuse variano tra 600 e 900 m, rinvenendosi però sporadicamente anche a quote superiori intorno a 1000 m e al loro limite altimetrico inferiore fino a 400 m. 

 
 
 
 
logo del parco nazionale del cilento, vallo di diano e alburni
 
facebookyoutubefeed rss
 
 
© 2008-18 Conservazione della Natura. Tutti i diritti riservati. Termini d’uso . mappa .  hcms.